About Andrea Berretta

    Find more about me on:
  • facebook
  • linkedin
  • twitter

Here are my most recent posts

Giocare con gli oggetti e con le parole: il mondo buono di Milkyprint

Giocare con gli oggetti e con le parole: il mondo buono di Milkyprint

Nov 2, 2017 | No Comments

Si chiama Mongs ed è una giovane artista che ha fatto del gioco il centro attorno al quale gravita tutto il suo mondo di illustrazioni e gadget. Nata e cresciuta sull’isola di Singapore, si lascia ispirare dagli oggetti quotidiani, dalle piante, dagli animali e dalle parole.

20 loghi semplicemente geniali di Daniel Carlmatz

20 loghi semplicemente geniali di Daniel Carlmatz

Oct 25, 2017 | No Comments

Daniel Carlmatz, progettista di Stoccolma, ha trovato la maniera per tenere la mente sempre allenata e sveglia. Come? Impegnandosi a realizzare, ogni giorno per un intero anno, un logo diverso e originale. Perchè il design è anche divertimento, gioco, sia per chi lo fa che per chi lo osserva.

En-Plein Air: l’impressionismo incontra la tecnica digitale nella nuova serie di Matteo Mauro
In Art

En-Plein Air: l’impressionismo incontra la tecnica digitale nella nuova serie di Matteo Mauro

Oct 24, 2017 | No Comments

Dopo Micromegalic Inscriptions, la serie dedicata alle acqueforti rococò, l’artista siciliano Matteo Mauro sposta l’attenzione sui grandi classici dell’impressionismo. 

L’arte di vedere il mondo da un’altra prospettiva: Paperboyo

L’arte di vedere il mondo da un’altra prospettiva: Paperboyo

Oct 19, 2017 | No Comments

Ci sono persone che osservano le cose con occhi diversi. Con la fantasia sono in grado di vedere oltre il loro aspetto e la loro forma, immaginando nuovi mondi e situazioni. È il caso di Rich McCor, in arte Paperboyo, che da un anno circa viaggia in tutto il mondo trasformando gli edifici e i monumenti in simpatici “collage” fotografici.

L’eros al femminile di Giulia Rosa (NSFW)

L’eros al femminile di Giulia Rosa (NSFW)

Oct 17, 2017 | No Comments

Illustratrice e motion designer bresciana classe 1992, Giulia Rosa alimenta piacevolmente la propria fantasia con film mentali quotidiani. La sua principale fonte di ispirazione è l’amore, con tutte le pulsioni che si porta dietro. Giulia inizia a percorrere il filone dell’eros intorno ai sette/otto anni e si guadagna il rispetto dei compagni disegnando nudi più o meno artistici che baratta con compiti già fatti.