Le mani “artistiche” di Benedetto Demaio

on Sep 12, 2018

Sono passati più di tre anni da quando ci siamo immersi per la prima volta nel mondo turchese di Benedetto Demaio. Nel frattempo il successo del creativo calabrese (ma milanese d’adozione) è cresciuto esponenzialmente, così come la quantità di lavori che compongono quello che a tutti gli effetti è uno dei feed più creativi di Instagram.

Numerose sono le collaborazioni nate con aziende e brand commerciali che lo hanno scelto per presentare i loro prodotti in maniera non convenzionale. Così Benedetto, che continua a fare l’insegnante d’arte, ha iniziato a lavorare come creativo, spaziando dalla fotografia all’illustrazione, dalla pittura al disegno. Il tutto pervaso da un’immancabile nota turchese, tonalità che rappresenta le sue origini –il mare di Calabria–, divenuta una vera e propria cifra stilistica che lo identifica come e meglio di un autografo. Di sè racconta:

“Nasco a sud, sul bordo del mare. Vivo random, tra la nebbia del nord e gli spazi creati dalle mie illusioni. Sogno per professione. Disegno per vocazione. Mangio grafite e tempere acriliche, bevo inchiostro di china, sono drogato di acquaragia e trielina, ho la testa per aria e i piedi per terra. Sono un ossimoro e me ne vanto. Osservatore curioso, fotografo per svago, musicista per caso. Vi racconto il mondo secondo me, secondo la mia testa. Fondamentalmente divertitevi, io farò lo stesso. Benvenuti”.

Fare tante cose diverse, e farle tutte bene, è sicuramente una sfida difficile per chiunque, ancor più per un artista. Benedetto sembra riuscirci senza sforzo apparente, sia che decida di restare dietro l’obiettivo sia che usi il suo stesso corpo come tela sulla quale trasporre le proprie idee. Come nel caso di quelle che mi piace definire le sue “mani artistiche” e che mi sono divertito a selezionare per voi. Per tutto il resto non doverte far altro che seguirlo.

Tags: , , , , , , , , , , , , ,