Il classicismo surreale di Gérard DuBois

da | 16/07/2015 | Arte, Illustrazione

Molti sono i riferimenti che subito possono venire in mente: Magritte, Brad Holland, Rockwell, Balthus, De Chirico. È quasi un’alchimia, ma la sintesi è mirabile e conferisce alle sue illustrazioni una “classicità” originale e sempre riconoscibile.

L’idea spiazzante, enigmatica, “alla Magritte”. È lo stile delle illustrazioni di Gérard DuBois, nato in Francia nel 1968. Dopo aver studiato graphic design a Parigi ha attraversato l’Atlantico per approdare a Montréal, in Canada, dove tutt’ora vive e lavora.

Ha collezionato una serie impressionante di collaborazioni con le più importanti riviste: da Time a Le Monde, da Playboy al Reader’s Digest, ha lavorato anche col New York Times, e in particolare con Alexandra Zsigmond (con la quale abbiamo realizzato e pubblicato un’intervista esclusiva proprio qualche settimana fa). Gérard ha illustrato anche molti libri e copertine, riprendendo in alcuni casi lo stile grafico delle ottocentesche “Images d’Épinal“.

Eppure, proprio grazie a queste atmosfere così nostalgiche e innocenti, Gérard riesce a sorprenderci creando, con un stile apparentemente “retrò“, metafore da illustrazione concettuale, o soggetti anche scabrosi trattati con un tocco a volte teatrale, ma mai volgare. Gli ultimi lavori li potete scoprire seguendo la sua pagina Facebook.

Gérard DuBois

Bruno Depetris

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Categorie

Archivio

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This