Il surreale quotidiano di Alessandro Ripane

da | 29/10/2015 | Illustrazione

Il suo è un mix tra lo stile underground alla Robert Crumb e lo humour surreale alla Jim Woodring. Il richiamo all’ambito dei comics non è così fuori luogo per Alessandro Ripane, perché, oltre a praticarli in una forma simile a quella di Cornella, il “racconto” caratterizza tutte le sue illustrazioni.
Spesso i lavori sono “barocchi”, letteralmente farciti di particolari che si stratificano sulla tavola e rendono narrative le sue composizioni, caratterizzate da uno humour nero e surreale. I suoi disegni sono come il frame di un film del quale ci siamo persi l’inizio e con un finale che ci possiamo immaginare sicuramente imprevedibile (ma che non sarà certo un happy end).

Nel suo mondo non ci sono supereroi che vengono a salvarci. L’umanità descritta da Alessandro sembra vivere in un purgatorio senza fine, vittima e carnefice delle proprie debolezze e crudeltà con un tocco di poetica pietà.
La sua passione per gli animali selvatici si manifesta facendoli diventare spesso i protagonisti delle sue visioni, come nell’header che ci ha voluto regalare. Ancora una volta l’enigma delle sue composizioni di costringe a cercare un senso e un epilogo al destino dell’aragosta. È quello stesso fascino per il surreale che Breton definiva: “bello come l’incontro casuale di una macchina da cucire e di un ombrello su un tavolo operatorio…“. Il bestiario di Alessandro diventa così la metafora della nostra parte più selvaggia e inconfessabile.

Godetevi la selezione di lavori fatta dallo stesso Alessandro. E, se non siete sazi, andate sul suo sito personale.

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This