La delicatezza dell’infanzia nelle favole dipinte di Beatrice Alemagna

da | 17/06/2021 | Illustrazione

La sua passione per l’arte del racconto e del disegno l’accompagna fin da bambina portandola a sperimentare con materiali sempre nuovi per dar vita a innumerevoli storie che vanno dalla pittura ai pastelli, fino alle matite e al collage.

Beatrice Alemagna nasce a Bologna e dopo gli studi in progettazione grafica e comunicazione visiva all’ISIA, si aggiudica nel 1996 il prestigioso primo premio del concorso francese di illustrazione Figures futures al Salon du Livre et de la Presse Jeunesse, a Montreuil. Ben presto si afferma in Francia e illustra per anni i manifesti del Centre Georges Pompidou, il centro nazionale di arte e cultura di Parigi.

Autrice e illustratrice instancabile e poliedrica, ha lavorato alla pubblicazione di più di 40 libri, tradotti in 25 paesi, esponendo con le sue personali alla Jugendbibliothek di Monaco, all’American Society of Illustrators di New York e all’Archiginnasio di Bologna.

Mai banali o ripetitive, le sue illustrazioni riportano all’immaginario dolce e delicato di Roald Dahl e Gianni Rodari; e proprio il più fantasioso scrittore di filastrocche e favole è stato una fondamentale fonte d’ispirazione, un vero e proprio padre spirituale per l’artista bolognese, che in occasione del centenario ne ha illustrato “A sbagliare le storie“.

Newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Pin It on Pinterest

Share This