Le gigantesche opere d’arte immersiva di Cyril Lancelin uniscono pop, gioco e architettura

da | 7/07/2020 | Architettura, Arte

Enormi gonfiabili dai colori accesi e impressionanti sculture geometriche con cui si può interagire, realizzati con elementi astratti e icone della cultura pop, sono la cifra stilistica dell’architetto-artista Cyril Lancelin.

Fenicotteri, ciambelle, numeri e forme astratte sono alcune delle “voci” del vocabolario iconico che Lancelin usa con humor nelle sue enormi sculture-gioco che ricordano le opere pop di Claes OldenburgJeff Koons. Abitualmente Lancelin realizza i rendering 3D dei suoi progetti per simulare l’effetto immersivo, così da poter testare e migliorare i progetti e decidere, talvolta, di usare l’acciaio inossidabile, anziché i gonfiabili. Tra le ultime creazioni c’è Pillow Pyramid, un accogliente letto a baldacchino fatto interamente di cuscini, realizzato durante il lockdown per incoraggiare le persone a rimanere a casa.

Lancelin, dopo aver lavorato per una quindicina d’anni presso alcuni tra gli architetti più affermati di Parigi e Los Angeles, nel 2016 ha fondato il suo studio Town and Concrete. Nato a Lione, dove tutt’ora vive e lavora, ha realizzato le sue installazioni in occasione di vari eventi in giro per il mondo, dalla Cina all’Europa, dai Paesi Arabi all’America. Oltre alla galleria che segue qui sotto è stimolante vedere i video della visita all’interno di alcune opere per capire la loro potenzialità sensoriale. Andate sul suo sito per vedere tutti i suoi lavori e seguite gli aggiornamenti su Instagram.

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Iscriviti alla newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy