Le divinità vulnerabili di Elena Garnu

da | 21/09/2018 | Arte, Illustrazione

Un pastiche di tecniche che spazia dal ritratto virtuoso allo schizzo veloce e un’altrettanto audace giustapposizione di elementi naturalistici ed astratti, a sintetizzare un carattere, un mutamento, uno stato d’animo. A suggellare lo stile un affascinanteante uso dell’incompletezza.

Elena Garnu dice poco di sé ma le sue magnetiche muse parlano il linguaggio della contemporaneità. Distanti ma riconoscibili divinità del quotidiano, colte nell’atto di allacciarsi il reggiseno o di asciugarsi una lacrima, forti e vulnerabili al tempo stesso, sono un insondabile mistero da cui è difficile staccare gli occhi.

Elena Garnu

Roberta Zeta
Illustratrice italiana, dopo varie esperienze in giro per il mondo si è stabilita a Los Angeles. Accidentalmente laureata in legge, disegna da sempre, dedicandosi a progetti editoriali e fashion. Scrive per Picame dal 2009.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Advertisement

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This