Le sculture rosse di James Colomina tra provocazione e protesta

da | 8/10/2019 | Arte, Street Art

Personaggi che indossano maschere antigas o che imbracciano armi, in atteggiamenti aggressivi o malinconici, tutti rigorosamente dipinti di un rosso intenso che, come un segnale di STOP, ci costringe a fermarci e riflettere.

Le opere dell’artista di Tolosa James Colomina, a volte ironiche a volte inquietanti, sono una reazione alle ipocrisie della società e vogliono scuotere la nostra indifferenza. Sculture ma soprattutto installazioni urbane, nelle quali queste figure acquistano teatralità e il loro messaggio esplode in tutta la sua forza.

Le opere di Colomina sono molto simili ai fantasmatici calchi in gesso di George Segal, protagonisti di alcune installazioni di strada, e il modo di affrontare le tematiche sociali ricorda da vicino quello di Banksy. In questo servizio possiamo seguire una delle sue installazioni e una breve intervista realizzata nel suo laboratorio artistico. Scoprite tutti i lavori di James sul suo sito e gli aggiornamenti su Instagram.

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This