Esorcizzare l’angoscia quotidiana attraverso l’arte: Monica Loya

da | 5/11/2020 | Arte

L’arte può essere usata come una terapia per curare i mali che affliggono la mente umana? È ciò che viene da chiedersi osservando le opere enigmatiche di Monica Loya, illustratrice e street artist messicana.

Si sente un gran parlare di salute negli ultimi tempi ma questo termine viene associato perlopiù a qualcosa di fisico. La sua componente psicologica, più effimera e per questo più subdola, passa quasi sempre in secondo piano. L’angoscia, la paura e l’insicurezza sono stati d’animo complessi che non sempre si riescono a descrivere con le parole. Gli artisti, per natura più sensibili e ricettivi, hanno però un’arma potente a loro disposizione: possono attingere a questo spleen come a una fonte di ispirazione e, con la loro forza creativa, esorcizzarlo.

Monica Loya ne è un esempio calzante. Le sue illustrazioni indagano le sensazioni più intime della mente umana e si collocano sulla sottile linea che divide il mondo fisico da quello psichico, spesso rompendo questo confine e lasciando che i due mondi si invadano l’un l’altro fino a diventare indistinguibili. Gli oggetti e i volti ad un certo punto si dissolvono, i connotati si mescolano, lo spazio si piega fino a distorcere la realtà. Ogni opera è una metafora in cui possiamo specchiarci e a cui possiamo attribuire arbitrariamente un significato perchè in essa riconosciamo un nostro stato d’animo. Così facendo l’opera stessa diviene al contempo consapevolezza e cura.

Monica Loya

 

Classe 1983, lavora nel mondo della progettazione grafica e della comunicazione come designer e art director. Dopo alcuni anni di esperienza come freelance, nel 2013 ha fondato FARGO, agenzia multidisciplinare specializzata in progettazione grafica, brand design e new media. È fondatore e direttore di Picame dal 2008.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Advertisement

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This