Mr. Doodle e lo scarabocchio ossessivo compulsivo

da | 25/05/2017 | Creatività, Illustrazione

Se un giorno dovesse capitarvi di incrociare per strada Mr. Doodle state molto attenti, potrebbe avvicinarsi di soppiatto e scarabocchiarvi dalla testa ai piedi! Per fortuna non è difficile da identificare: ha una testa di riccioli rossi e indossa sempre strani indumenti bianchi con disegni fittissimi. Gli stessi con cui si diverte a ricoprire qualsiasi superficie, dalle pareti agli oggetti.

La cosa che lascia davvero sbalorditi è la velocità di esecuzione di questi “scarabocchi”, che Mr. Doodle realizza freehand, ovvero improvvisando, senza un disegno preliminare, attingendo dal suo enorme database mentale di “doodles” (alcuni sono raccolti in questa impressionante pagina).
Può andare avanti per ore ed ore senza sosta, al punto da riuscire a ricoprire decine di metri quadrati di superficie ogni giorno. Per darvene un’idea ho estrapolato un breve video dal suo canale Youtube.

Nella sua concisa biografia si legge: “Non stop crazy doodler doodling everywhere!“. Il suo stile, rigorosamente in bianco e nero, è stato spesso paragonato ad un virus, che si moltiplica fino a ricoprire completamente lo spazio circostante. Mr. Doodle lo ha anche declinato su una serie di simpatici gadget che trovate in vendita sullo shop online. Tra i suoi obiettivi c’è quello di disegnare un milione di “doodles” utilizzando l’iPhone, e da quel che ho visto non sembra del tutto irrealizzabile.

Guardatevi la sua video-biografia e la gallery che ho selezionato per voi.

Classe 1983, lavora nel mondo della progettazione grafica e della comunicazione come designer e art director. Dopo alcuni anni di esperienza come freelance, nel 2013 ha fondato FARGO, agenzia multidisciplinare specializzata in progettazione grafica, brand design e new media. È fondatore e direttore di Picame dal 2008.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This