Un sacco della spazzatura è il ritratto della nostra società secondo gli artisti francesi Murmure Street

da | 12/10/2021 | Arte, In evidenza, Street Art

L’attivismo artistico del duo francese composto da Paul Ressencourt e Simon Roché è perfettamente in linea con quello di Banksy e Pejac per le tematiche legate ai problemi ambientali e alla dissolutezza dell’uomo moderno

Ressencourt e Roché si sono conosciuti nel 2006 frequentando entrambi l’Ecole Régionale des Beaux Arts di Caen, in Normandia, e dal 2009 sono attivi con murales ed esposizioni di opere su carta, realizzate con uno stile iperrealistico a carboncino e acrilico dal forte impatto visivo, incentrato sulle problematiche sociali. Il nome che hanno scelto per identificarsi nel mondo dell’arte è Murmure Street.

Con uno dei loro ultimi progetti, intitolato significativamente con un gioco di parole “Garb-Age, il loro giudizio sarcastico sul comportamento umano è diventato chiaro e definitivo: siamo e trasformiamo tutto letteralmente in spazzatura.

murmure street picame

Lo scarabeo stercorario nella versione a carboncino e matita

L’opera-manifesto forse più esemplificativa è quella dello scarabeo stercorario che fa rotolare un sacco dell’immondizia. Il risultato è un ossimoro perché la prima lettura è sì una chiara allegoria dell’inquinamento umano dovuto allo spreco, ma ci ricorda anche che in natura questo insetto coprofago è indispensabile all’ecosistema per la sua capacità di riciclare gli escrementi, contribuendo così alla buona fertilità del suolo; a differenza dell’uomo, che spera sia la natura a smaltire da sola i suoi “escrementi” industriali.

Leggi anche: Gli incredibili animali di spazzatura di Bordalo II

murmure street picame

“Garbage Whale” nella versione murales a Vladivostok, Russia, realizzata ad acrilico

murmure street picame

Lo stesso soggetto, nella versione a matita e carboncino su carta, ci permette di apprezzare il virtuosismo e la padronanza tecnica del duo

In più di una delle loro trasparenti metafore visive i Murmure hanno utilizzato gli animali come “controfigure” dei soggetti principali, per accentuare il contrasto tra la natura e la logica consumistica umana a danno del nostro pianeta. Il duo francese rappresenta l’era distopica dell’Antropocene: “La nostra vecchia spazzatura prende vita e riprende la propria esistenza”, sentenzia Paul in un’intervista.

murmure street picame

Anthropologic è il titolo della loro ultima esposizione che si sta concludendo in questi giorni a Los Angeles nonchè del loro nuovo progetto. Abbondano i ritratti la cui testa è avvolta da un sacco per la spazzatura. Anche qui vale la doppia lettura: la nostra visione del mondo è oscurata dalle priorità economiche oppure il sistema di spreco è destinato a sostituire anche le nostre vite e le nostre identità.

murmure street picame

Red Hot“, un’altra delle opere in esposizione ad Anthropologic, rivela una nuova strada, tecnica e tematica dei Murmure Street. Infatti è realizzata con polvere di carboncino applicato a pennello su cartoncino rosso per ottenere un effetto evanescente e quasi surreale al servizio di un soggetto chiaramente ispirato ai cambiamenti climatici e ai loro effetti, come quello degli incendi, drammaticamente attuale.

murmure street picame

Quest’opera ritrae un bambino in una piroga mentre naviga in una delle famigerate isole di plastica: per realizzarla gli artisti hanno usato come base una lastra di plastica ottenuta riciclando flaconi di prodotti cosmetici.

– Leggi anche: Oceani di plastica: antologia di immagini e illustrazioni per riflettere 

Per scoprire tutti i lavori dei Murmure Street e la loro stupefacente bravura tecnica potete curiosare tra i video caricati sul loro canale YouTube, sul loro sito e su Instagram.

murmure street picame

Un altro dei ritratti in esposizione ad “Anthropologic

murmure street picame

Green as grass, acrilico, in mostra ad “Anthropologic

murmure street picame

Fuel up, acrilico, “Anthropologic

murmure street picame

Portrait, carboncino e pastello su carta.

murmure street picame

Lotta coi cuscini, carboncino e matita su carta

murmure street picame

Les Amants” è volutamente ispirata all’opera omonima di Magritte e mette in evidenza il contrasto tra un gesto d’amore e l’efferatezza di un materiale pericoloso come quello della plastica

murmure street picame

Hamlet

murmure street picame

Bees“, serie di disegni a carboncino e pastello su carta sull’importanza delle ruolo delle api nell’equilibrio ambientale

murmure street picame

Wilson“, un’interpretazione caustica dell’amico immaginario di Tom Hanks, protagonista del film Cast Away del 2000, e realizzato nel 2020 come risposta ironica al periodo di lockdown in cui le relazioni sociali ridotte al minimo sono state interpretate dai Murmure come un isolamento simile ad un naufragio

murmure street picame

Garbage Tail” rappresenta solo la coda di una balena che, come la punta di un iceberg, nasconde il problema più grande, o invisibile come la microplastica, sotto la superficie del mare. Questa è la versione murales, realizzata a colori acrilici in Martinica.

murmure street picame

Garbage Tail” è anche un disegno a matita e carboncino e per l’ultima esposizione “Anthropologic” ne è stata realizzata anche una versione scultorea.

murmure street picame

Lo scarabeo stercorario come murales ad acrilico a Bayonne, Francia

murmure street picame

Garbage Bird” ad acrilico sui muri di Rotterdam.

murmure street picame

Garbage Bird” a carboncino e matita su carta.

murmure street picame

“Oiseau blanc”

murmure street picame

“Envolee”

murmure street picame

Ocean

murmure street picame

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy