Tra psichedelia e ironia: le illustrazioni di Nadia Pillon

da | 29/01/2018 | Illustrazione

Ad una prima occhiata le illustrazioni di Nadia Pillon danno una sensazione di straniamento: i colori fluorescenti e le ambientazioni tra il metafisico e il pop creano un’atmosfera surreale e psichedelica, nella quale si muovono personaggi che fanno cose altrettanto strane. A stemperare l’enigmaticità delle scene interviene un approccio ironico che ci avvicina al suo mondo in modo semplice e diretto.

Nadia Pillon vive e lavora a Padova come illustratrice freelance. Si è laureata in Arti Visive e dello Spettacolo allo IUAV di Venezia per poi specializzarsi in illustrazione all’ISIA di Urbino. Tra i i suoi clienti c’è anche il The New York Times. Oltre all’illustrazione si dedica anche all’animazione, con la quale può mettere a frutto la sua passione per il cinema e la musica (date un’occhiata ai video su Vimeo).

Anche nell’header che ha realizzato per Picame la cifra stilistica di Nadia ci ipnotizza e ci affascina per il mistero che è riuscita ad infondere al notturno.

Seguitela sul suo sito personale e su Instagram.

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Advertisement

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This