Vita da silhouette: le illustrazioni di Quentin Monge

da | 23/02/2016 | Illustrazione

Vive e lavora a Parigi dove fa l’art director di giorno e l’illustratore di notte. Quentin Monge, infatti, è molto prolifico e, oltre all’illustrazione digitale, ha anche un grande talento per i collage

Scorrendo il suo portfolio possiamo notare come il suo stile si stia sempre più semplificando. Forse è la tecnica del ritaglio con le forbici che influenza anche il suo disegno, perché lo costringe a sintetizzare le forme e le posture con un’economia espressiva che insegna a dire molto con poco. Quentin utilizza spesso anche gli spazi negativi per fare emergere dalla tavola nuovi soggetti.

I suoi personaggi non hanno un volto o un’espressione e sembrano muoversi come silhouette su una tappezzeria. Un’impostazione volutamente bidimensionale che ci ricorda i lavori della nostra Olimpia Zagnoli. Ma l’eleganza formale delle sue tavole è spesso anche concettuale, con uno spiccato senso dello humour che esprime, talvolta, utilizzando anche oggetti reali. Ci gioca divertendosi e divertendoci e ottenendo quell’effetto sorpresa e quell’immediatezza espressiva che usano, ad esempio, anche Jean Jullien o Christoph Niemann.

Quentin Monge

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This