Zucche, ragni e altre stramberie illustrate di Kalypso

da | 31/10/2018 | Creatività

Illustratrice, sognatrice, caffè dipendente. Sono le uniche informazioni biografiche che sono riuscito a reperire su Kalypso, che in questo periodo dell’anno ha fatto dell’esoterismo la propria cifra stilistica, seppur stemperata da abbondanti dosi di ironia.

L’artista -che a dispetto del suo pseudonimo è italianissima- ha costruito un immaginario fatto di elementi ricorrenti cari alla stregoneria come ragni, zucche, pipistrelli e bulbi oculari, assortiti in vario modo e colorati lievemente, a simulare l’effetto dell’acquerello. La tavolozza è rigorosamente composta da colori freddi tra i quali spiccano il viola e il blu, in tutte le loro tonalità. Questo mix di elementi rende le curiose illustrazioni di Kalypso semplicemente irresistibili ma viene da chiedersi, passata la fase “oscura” tornerà a cimentarsi con colori e immagini gioiose? Per scoprirlo seguitela su Instagram.

Classe 1983, lavora nel mondo della progettazione grafica e della comunicazione come designer e art director. Dopo alcuni anni di esperienza come freelance, nel 2013 ha fondato FARGO, agenzia multidisciplinare specializzata in progettazione grafica, brand design e new media. È fondatore e direttore di Picame dal 2008.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Advertisement

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This