Un professore di biologia realizza macro-illustrazioni dei virus più pericolosi al mondo

Un professore di biologia realizza macro-illustrazioni dei virus più pericolosi al mondo

Il corpo umano è un universo composto da trilioni di mondi invisibili e affascinanti. Scoprire e rappresentare ciò che non possiamo vedere di noi stessi può rivelarsi una fonte di ispirazione meravigliosa e inaspettata.

lomo dispenser

on Nov 24, 2008

Ne abbiamo parlato su Pìcame issue nr.3 e non potevamo lasciarvi con l’acquolina in bocca… Se siete stati contagiati dalla lomo mania ecco qui quello che fa per voi: una vending machine ideata e sviluppata dalla Lomo Italia dove assieme alle fotocamere potrete trovare anche occhiali Super, zaini Invicta, orologi parlanti e designer toys.
Una maniera alternativa per acquistare le nostre future Lomo, un progetto divertente ma con stile che trova nello spazio dell’artbar Le Biciclette di Milano la sua location ideale.

www.lomography.it


parole di carta

on Nov 21, 2008

Una collezioni che non conosce catalogo, che nasce con noi e da noi: Silenzio Stampa. Non sono solo spille, bracciali e collane in carta ma una piccola poesia che ci portiamo addosso.
Alice Visin, la creatrice di questi originali gioelli, ci invita a fermarci, ci dona la possibilità di cristalizzare per sempre immagini e parole, strapparle all’oblio, riscoprirne il valore e la magia. In una società dove tutto scorre veloce, dove consumiamo informazioni ad alta voracità, Silenzio stampa schiaccia il tasto “pausa”. Ed ecco che una lettera d’amore, un biglietto del cinema, la lista della spesa per una festa possono diventare gioielli: boccioli che racchiudono una storia tutta nostra che andrà oltre il tempo.

www.alicevisin.com


2357® temporary store verona

on Nov 20, 2008

Sabato 6 Dicembre il temporary store di 2357® apre a Verona. L’evento è ancora una volta all’insegna della personalizzazione. I visitatori potranno scegliere i “pezzi” che andranno a comporre gli indumenti e farli assemblare in loco dalla sarta. Di seguito un copia/incolla dal comunicato stampa:

I capi della collezione, basici e monocromatici, diventano il punto di partenza per sperimentazioni e rielaborazioni. Attraverso questa iniziativa, il marchio ha voluto fin da subito comunicare la sua essenza irriverente ed il forte carattere Pop rendendo il consumatore attivo attore nella creazione del valore del prodotto. L’interazione, il gioco, l’italianità e la creatività sono i caratteri distintivi del marchio. In tutti gli eventi organizzati, l’intento del marchio resta quello di rendere protagonisti sia i giovani creativi nazionali ed internazionali coinvolti, sia i visitatori stessi in modo da promuovere le realtà locali e dare un contributo attivo alla scena creativa contemporanea.
I capi non sono più semplici indumenti, ma diventano portatori dei valori incorporati nel processo di ideazione e realizzazione. La creatività intesa in senso lato contraddistingue 
2357® come una delle poche realtà poliedriche presenti sul territorio nazionale, capace di unire arte, musica e moda.
Il gioco ha avuto inizio, non resta che farsi contagiare.


We are free bloggers

on Nov 19, 2008

Non vogliamo parlare di politica su questo blog. Non ci interessa. Ma questa notizia, se confermata, ci tocca personalmente e ci pare giusto farne oggetto di discussione con voi. 

Dal blog di Beppe Grillo (13.11.2008):
Obama ha vinto anche grazie alla Rete. Ha raccolto fondi on line per un miliardo di dollari per la sua campagna elettorale. “A campaign powered by people, not the special interests”. Una campagna finanziata dalle persone, non dagli interessi di parte. L’Obama de noantri, al secolo Topo Gigio Veltroni, dopo aver fracassato le palle a tutti gli italiani sulla somiglianza tra lui e Obama (un insulto peggiore dell’abbronzatura di Berlusconi) vuole dare una mano alla Rete. Tutti i blogger si stanno toccando.
Topo Gigio è peggio di uno spyware, di un malware, è un virus insidiosissimo che trasforma tutto ciò che tocca in una Walterloo. Il suo incaricato del Pdmenoelle, in arte Franco “Ricardo” Levi, ha depositato alla Commissione Cultura della Camera la famigerata Levi/Prodi. Detta anche legge “
ammazzablogger“. Legge che va ribattezzata in Levi/Veltroni grazie alle nuove clausole.

In sostanza:
- ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale;
- ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all’Agenzia delle Entrate;
- ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione);
- ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa;
- ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denuciato per il reato di “stampa clandestina”: due anni di carcere e sanzioni economiche.

Un blogger può scegliere se iscriversi al ROC, e correre il rischio di una delle innumerevoli denunce penali e civili sui reati a mezzo stampa che risalgono al Codice Rocco del fascismo o, in alternativa, entrare in clandestinità prima di entrare in galera. Insomma, può impiccarsi o spararsi un colpo in testa.
La Commissione che deve esaminare la proposta di legge inizierà a breve i lavori sulla “ammazzablogger”. Un sostegno da parte della Rete la aiuterà a prendere le decisioni.
Loro non molleranno mai (ma gli conviene?), noi neppure.


Pornografica

on Nov 19, 2008

Mi è arrivato fresco fresco il libro Pornografica – Explicit Art, edito da Libri Aparte. Raccoglie al suo interno illustrazioni di vari autori che ho trovato davvero interessanti e per nulla scontate. Di seguito vi riporto un estratto dell’introduzione.

Questa raccolta di disegni è dedicata all’immagine pornografica. Rappresenta un omaggio al corpo disinibito, alle fantasie spregiudicate e alle parole volgari che spesso li accompagnano. In essa si trovano diversi tipi di immagini oscene, anatomie esplicite e situazioni sessuali. In alcuni di questi disegni persiste l’idea dello scarabocchio da banco scolastico, di ozio mentale, del tempo sprecato di una manoche gira su un foglio disegnando enormi organi sessuali. In altri vi è un’intenzione precisa, a volte fotografica o narrativa, altre di pura sperimentazione formale. Da secoli il disegno ha a che fare con nudi e anatomie. E da altrettanti secoli la pornografia fissa spudoratamente lo sguardo all’interno delle cose. Fra di loro esiste un patto antico. Guardare!