Il minimalismo incontra la poesia nelle piccole illustrazioni di Her Afternoon

da | 24/02/2021 | Illustrazione

L’illustratrice e scrittrice di Hong Kong ci conduce in un mondo in cui le emozioni sono al centro di tutto e si perdono nel tutto.

Dei piccoli personaggi che si perdono nei mondi surreali di Her Afternoon non possiamo vedere i volti ma riusciamo a captarne le emozioni. A volte uomini, a volte donne, altre ancora persone unisex, l’artista cinese li ritrae completamente nudi mentre si muovono e interagiscono all’interno di ambienti lattiginosi in cui tempo e spazio sembrano non rispettare le leggi della fisica: pareti in cui si aprono varchi infiniti, specchi che mostrano realtà parallele, sentieri a strapiombo sul nulla cosmico. Ogni illustrazione è accompagnata da una breve poesia scritta dall’autrice stessa o ripresa da qualche autore. A tal proposito, Her Afternoon mi ha raccontato:

“Sono sia un’illustratrice che una scrittrice. Disegno per sentire e scrivo per pensare. Amo la semplicità della natura ma al contempo apprezzo la complessità dell’uomo. Odio i conflitti ma amo i contrasti: ombra/luce, amore/odio, smarrire/ritrovare, trattenere/lasciar andare”

Per carpirne a pieno il significato occorre prendersi qualche secondo in più per individuare i dettagli minuti che l’artista ha disseminato nelle sue opere: la forma insolita di un ombra, la disposizione degli oggetti, le sfumature di colore.

Her Afternoon

Leggi anche: Le piccole illustrazioni empatiche di Shagey

Leggi anche:

Il minimalismo fotografico di Charlotte van Driel

 

Designer e art director, è fondatore e direttore di Picame dal 2008 e co-fondatore di FARGO, agenzia specializzata in design e comunicazione.

Newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy