I piccoli dipinti dal taglio cinematografico di Zhiyong Jing

da | 9/06/2021 | Arte

Nelle sue opere, realizzate su tela o pannelli di legno, l’artista di Beijing mescola realismo, surrealismo e cultura pop.

Piccole figure appaiono lontane, immerse in ampi spazi che sembrano fuori dal tempo. Personaggi solitari, veicoli, oggetti abbandonati, accomunati da un aspetto vagamente sinistro e talvolta caratterizzati da particolari inquietanti: una statua in riva la mare schizzata di sangue, un uomo che cammina nella notte avvolto dalle fiamme, un fantasma che fa capolino dalla finestra di un appartamento. Il taglio cinematografico emerge dalle inquadrature, dall’uso della luce e dei colori, dalla presenta di espliciti riferimenti alla cultura pop: il Presidente degli Stati Uniti, l’astronauta, il Jocker, persino Babbo Natale.

– Leggi anche: L’arte di Pulp Brother è un inno al politicamente scorretto (NSFW)

Se volete accaparrarvi uno degli originali di Zhiyong Jing dovete essere molto veloci. Così come accade per il suo collega americano Pulp Brother vanno tutti sold out nel giro di pochi secondi. La buona notizia è che, in entrambi i casi, si tratta di artisti molto prolifici che pubblicano nuovi pezzi quasi ogni giorno.

Classe 1983, lavora nel mondo della progettazione grafica e della comunicazione come designer e art director. Dopo alcuni anni di esperienza come freelance, nel 2013 ha fondato FARGO, agenzia multidisciplinare specializzata in progettazione grafica, brand design e new media. È fondatore e direttore di Picame dal 2008.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This