Lo stile “tattile” di Adam Avery

da | 16/09/2015 | Illustrazione

Ama la cultura pop e vintage, sue fonti di ispirazione: dalla serie tv alle riviste trash delle sale d’attesa, fino ai movimenti artistici modernisti. Nei suoi lavori cerca sempre di mantenere una sensazione tattile, usando texture realizzate a mano che poi traspone nell’elaborazione digitale. L’esigenza di mantenere un’impressione di manualità nelle sue illustrazioni deriva dalle esperienze che ha fatto con la serigrafia e il collage. Questa caratteristica, unita ad una impostazione naif, conferisce ai suoi personaggi (che lui stesso definisce “sghembi“) un’immediatezza espressiva fortemente riconoscibile, che ricorda a tratti il nostro Scarabottolo.

Adam Avery vive e lavora a Norwich, dove si è diplomato in graphic design alla locale University of the Arts nel 2011. Ha pubblicato su The Guardian, Wired, The Sunday Times e altre riviste internazionali. Questo è il suo portfolio.

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Advertisement

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This