Il classicismo surreale di Gérard DuBois

da | 16/07/2015 | Arte, Illustrazione

Molti sono i riferimenti che subito possono venire in mente: Magritte, Brad Holland, Rockwell, Balthus, De Chirico. È quasi un’alchimia, ma la sintesi è mirabile e conferisce alle sue illustrazioni una “classicità” originale e sempre riconoscibile.

L’idea spiazzante, enigmatica, “alla Magritte”. È lo stile delle illustrazioni di Gérard DuBois, nato in Francia nel 1968. Dopo aver studiato graphic design a Parigi ha attraversato l’Atlantico per approdare a Montréal, in Canada, dove tutt’ora vive e lavora.

Ha collezionato una serie impressionante di collaborazioni con le più importanti riviste: da Time a Le Monde, da Playboy al Reader’s Digest, ha lavorato anche col New York Times, e in particolare con Alexandra Zsigmond (con la quale abbiamo realizzato e pubblicato un’intervista esclusiva proprio qualche settimana fa). Gérard ha illustrato anche molti libri e copertine, riprendendo in alcuni casi lo stile grafico delle ottocentesche “Images d’Épinal“.

Eppure, proprio grazie a queste atmosfere così nostalgiche e innocenti, Gérard riesce a sorprenderci creando, con un stile apparentemente “retrò“, metafore da illustrazione concettuale, o soggetti anche scabrosi trattati con un tocco a volte teatrale, ma mai volgare. Gli ultimi lavori li potete scoprire seguendo la sua pagina Facebook.

Gérard DuBois

Art director e web designer, diplomato in scenografia con esperienze di teatro, fumetto, animazione, illustrazione e scultura. Scrive per Picame dal 2015.

Picame newsletter

Ogni bimestre riceverai una selezione dei nostri articoli.

Iscrivendoti dichiari di accettare la nostra Privacy Policy

Nella stessa categoria

Pin It on Pinterest

Share This